2 giorni a Barcellona: MANGIARE, BERE, DORMIRE

0

Di opportunità Barcellona ne dà tante: ovunque, a qualsiasi ora e per tutte le tasche.
Di ristoranti e locali ne sono piene le strade, di alberghi e guest house ne è colmo Tripadvisor e poi ci sono le piazze coi bar, le birrerie e le vetrine straboccanti di tapas…

Per non perdersi, ecco alcune dritte!

2 giorni a Barcellona

MANGIARE

Se la colazione non è compresa nel prezzo dell’hotel, niente paura!
Al di là dei classici Starbucks sparsi un po’ ovunque per Barcellona, in città ci sono tantissime pasticcerie e caffetterie.
Espresso e cappuccino vengono preparati esattamente come al bar sotto casa, con cacao o cannella a piacimento. Paste e brioches sono buonissime e la dimensione è almeno doppia rispetto a quelle servite normalmente in Italia.
Unica pecca: il prezzo! In media 11€ in due…un tantino esagerato per i nostri standard.
IMG-20150517-WA0012

Per il pranzo, visti i chilometri da macinare e le energie da conservare, è meglio rimanere leggeri resistendo alla tentazione di abbuffarsi con le delizie catalane.
In giro ci sono moltissimi posticini adatti a sfamarsi con poca spesa; tavole calde e baretti in cui trovare sandwich e sfiziosità per tutti i gusti, venduti “a pacchetto” compresi di bevanda e dessert.
In zona Lesseps io mi sono concessa un bagel con salmone, rucola e avocado accompagnato da un freschissimo yogurt al gusto mela e maracuja (7,50€).

IMG-20150505-WA0027Suggerisco poi di non perdersi l’occasione, almeno un giorno, di pranzare a La Buqueria, il celebre mercato di Barcellona.
Ci si trova di tutto e con 7-8€ a testa ci si riempie la pancia di golosità.
E’ possibile sia mangiare camminando, acquistando tanti bocconcini nei vari stand, che decidere di sedersi al banco di alcuni espositori che, nonostante le ridottissime dimensioni delle cucine di cui dispongono, sono in grado di preparare pasti degni di un ristorante.

La cena è la vera sfida! Tante, tantissime le alternative:“si mangerà bene?”  “Ma quanto costa?”
Io consiglio:

TAPA TAPA: Ce n’è più di uno a Barcellona ma tutti propongono lo stesso menù. Io ho cenato, la prima sera, in zona porto, all’interno del  centro commerciale Maremagum.
Certo, non è proprio economicissimo ma sicuramente un buon punto di partenza per approcciarsi alla nuova cucina.
Una vasta scelta di tapas, insalate, fritture di pesce e una buona paella, servita nel tegame. Ottime anche le birre, adatte ad accompagnare il pasto.
Personale cortese, wifi gratuito e bella vista, che non guasta mai!

LA PARADETA: La miglior mangiata di pesce a prezzo contenuto della mia vita (meno di 50€  a coppia)!
La filosofia del locale è particolare: una sorta di self service in cui, dopo aver scelto da un banco, proprio come quelli del mercato, quali pesci mangiare, li si paga a peso e si attende che lo speaker, dagli altoparlanti, annunci il proprio numero per andare a ritirare i piatti allo sportello della cucina. Si può decidere tra cottura alla griglia, in umido o frittura e di accompagnare il tutto con una ricchissima insalata e del pane. Squisito!

BERE

A Barcellona mai si morirà di sete!
Cerveza, vino, cocktails…ce n’è per tutti! I costi dipendono molto dal locale e, più in generale, dalla zona in cui ci si trova.
Un buon aperitivo, economico, l’ho consumato nel quartiere di El Born: 2 birre e tapas varie per 2,50€ a testa.
…ma non ce ne si può andare dalla città senza aver bevuto la celebre sangria, magari accompagnata da un piatto di papas bravas da condividere.
Una location molto carina è Plaça Reial, zeppa di localini tutt’attorno; lì, una sangria buonissima l’ho bevuta da Ocaña con i suoi tavoli colorati e l’atmosfera informale. 8,50€ a bicchiere…ma ne vale la pena!

DORMIRE

Un’ottima soluzione, che m’ha piacevolmente stupito, l’ho trovata per caso tra le proposte di Booking; a 5 minuti a piedi da Plaça de Catalunya, si trova infatti l’Amra Hostel Barcelona, un graziosissimo nonché comodissimo punto d’appoggio per chi ha poco tempo a disposizione.
Attenzione a non farsi fregare dalla classificazione della struttura: in quanto ricavato dalla ristrutturazione di più appartamenti, facenti parte di una palazzina piuttosto datata (così sembra), l’Amra è considerato un HOSTEL. Non offrendo accoglienza 24h, colazione e diversi altri servizi che un HOTEL deve presumibilmente avere, non può essere chiamato tale ma, a parer mio, non ha assolutamente nulla da invidiare!
Le camere sono spaziose e pulite, l’arredamento moderno e il personale della reception è gentile e accogliente.
C’è anche un piccolo giardino interno, piacevole per rilassarsi dopo una lunga giornata e prima di uscire per la cena.

Amra Hostel Barcelona

Federica, 26 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: