5 cose da fare a Sochi: in Russia tra mare e montagna

0

Sochi, “La Perla del Mar Nero”, è la seconda città più grande della Russia Meridionale, a circa 1.600 km dalla capitale Mosca.
Importante centro marittimo d’estate, diventa poi meta di settimane bianche d’inverno: c’è dunque poco da stupirsi che le cose da fare a Sochi non manchino proprio!

5 cose da fare a Sochi: in Russia tra mare e montagna

1) Trekking (o sci) in montagna presso lo stabilimento Rosa Kuthor
Nella bella stagione o con il freddo, le cime di Sochi sono il luogo perfetto per concedersi una giornata a contattato con la natura, spingendosi fino gli oltre 2000 metri di altezza, per dedicarsi a lunghe passeggiate nel verde o a un po’ di sano sci d’inverno.

Il bus 105 collega il centro di Sochi allo stabilimento Rosa Kuthor, con le sue casette in stile baita che mi hanno ricordato tanto Cortina.
Da qui è possibile salire a bordo di una serie di funivie, per raggiungere i picchi più alti.

Un centro ricco di ristorantini, locali, negozi, proprio dove nel 2014 sorgeva il Villaggio Olimpico che ha accolto gli atleti.
Dalla vetta si gode di una vista mozzafiato, sulle pareti rocciose circostanti e sulla valle, con la possibilità di viziarsi anche con un bel pranzetto a base di prodotti tipici.
2)Provare l’ebrezza di un salto nel vuoto allo Skypark AJ Hackett
Immaginatevi un parco avventure completamente immerso nella natura esplosiva del Sochi National Park, una sorta di paradiso per chi è in cerca di divertimento e adrenalina, fondato nel 2014 da AJ Hackett, un pazzoide neozelandese appassionato di sport estremi.
Lo SkyPark di Sochi vanta numeri non da poco, come i 439 metri del lunghissimo ponte sospeso che attraversa la valle del fiume Mzimta e i 207 metri d’altezza della pedana per il bungee jumpuing, in cui lanciarsi nel vuoto con il cuore in gola e l’emozione che scorre nelle vene.

C’è inoltre un’incredibile zipline, una via ferrata e la Sochiswing, una specie di altalena con cui gettarsi giù, in balia della forza di gravità.

3) Sfrecciare su un vero circuito di Formula 1 al Sochi Autodrom
5.848 metri  di pista, i box delle grandi case automobilistiche,  le curve, l’asfalto…: il Sochi Autodrom, inaugurato nel 2014, permette di vivere un’incredibile esperienza da pilota, per tutti gli amanti dell’alta velocità.
Tra le cose da fare a Sochi c’è dunque salire a bordo (ovviamente come passeggero!) di una super macchina sportiva e sfrecciare lungo l’intero percorso del circuito, proprio come in una vera gara di Formula 1.
All’interno del complesso, da visitare anche il museo dedicato alle auto e a i piloti, passeggiando tra modelli spettacolari, tra cui anche la mitica macchina del film “Ritorno al futuro”.

4) Visitare il centro città, fra chiese, piazze e scorci vista mare
La Sochi delle attrazioni turistiche, dei musei e degli hotel è quella che corrisponde al distretto centrale, dove si concentrano la maggior parte delle attività ricettive e dove, personalmente, vi consiglio di soggiornare.
Il cuore della città si presta molto a piacevoli camminate, lungo i viali del Riviera Park, il più grande parco di Sochi e del Dendrarium, il più vasto orto botanico di tutto il Mar Nero, in cui soffermarsi davanti a graziosi scorci vista mare.
Evidenti sono poi i resti di quella che fu l’architettura del periodo staliniano che salta all’occhio nello stile di edifici quali la stazione, il porto, il teatro d’inverno e il museo d’Arte.
Il ricordo di Stalin vive inoltre nella “Churchill, Roosevelt e Stalin” (nell’area dell’hotel e resort Krashmashevsky), una statua eretta nel 2008 da uno scultore israeliano e unico monumento in tutta la Russia dedicato al trio antifascista.
Da vedere la bella Cattedrale di San Michele Arcangelo, eretta nel XIX secolo per il culto ortodosso.

5) Rilassarsi presso i tipici Banya russi
Se dovessi tradurre il termine “banya” lo assocerei probabilmente al concetto di stabilimento termale, anche se questa parola, nello specifico, indica un’antichissima tradizione russa, che favorisce il benessere e la purificazione del corpo attraverso il vapore.
Queste stanze, simili a una sauna, sono ovviamente parte di strutture più grandi, sebbene spesso del tutto familiari, che includono vasche idromassaggio e piscine.
Io ho sperimentato tutto ciò da Banya-land, un luogo semplicemente surreale, completamente immerso nella natura, con stagni, fontane e bambù. Una Zen-SPA in cui rilassare il corpo e svuotare la mente, sorseggiando una bella tazza di tè caldo, a mollo tra le felci.

Fare a Sochi

Federica, 24 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: