Cosa vedere in Senegal: il Lago Rosa

2

Lago Rosa, un nome che già di per sè suscita stupore e meraviglia.
Una bellezza della natura più unica che rara, tanto che nel mondo intero se ne contano meno di una decina: uno di essi si trova proprio in Senegal, a una ventina di chilometri da Dakar ed è ufficialmente chiamato Lago Retba.

Noi lo raggiungiamo a bordo di un pulmino 4×4 che, sobbalzando sul terreno accidentato, ci fa saltellare come sulle giostre.
Lo scorgiamo già da lontano, quando il sole di mezzogiorno rende la tinta dell’acqua ancor più intensa e brillante.
Lago Rosa Senegal

Il Lago Rosa

Lo sapete a cos’è dovuto questo colore così assurdo?! A un semplice e minuscolo batterio, scientificamente detto Desulfohalobium Retbaense, particolarmente amante del sale e dunque densamente presente in questo lago.
Eh sì perchè il Lago Rosa, oltre a rappresentare un’attrativa turistica mozzafiato, è anche un’importante fonte di reddito per l’economia senegalese: attorno a noi decine di donne, instancabili, si caricano sulla testa ceste piene di sale che, dopo essere stato estratto dall’acqua, viene poi insacchettato e venduto.

Più ci avviciniamo alle sponde, più il rosa appare sgargiante. L’ondeggiare dell’acqua genera varie sfumature in movimento che contrastano nettamente con il bianco abbagliante dei cumuli di sale. Qua e là, le vernici sgarcianti delle piroghe interrompono la bicromia con pennellate di verde, blu e giallo…ma le foto non rendono!
DSC_0343Il nostro 4×4 continua ad alzare polvere, sempre di più, man mano che ci allontaniamo dal lago e ci inoltriamo verso un paesaggio ancora diverso: distese di sabbia, arbusti e nient’altro all’orizzonte.
L’autista si diverte a derapare, ad arrampicarsi sulle dune e poi a scivolarvi giù in velocità mentre noi, tra ansia ed esaltazione, gridiamo come bambini sulle montagne russe.

La nostra escursione si conclude nel migliore die modi: l’incontro con l’Oceano!
Sfrecciamo sulla spiaggia, il vento tra i capelli e il rumore delle onde in sottofondo. Lungo il percorso incontriamo addirittura delle mucche e ci fermiamo per sgranchirci un po’, bagnandoci finalmente nell’Atlantico.
Oceano SenegalLibertà, l’essenza del viaggio, la forza della natura o semplicemente l’infinita bellezza del Senegal.

Federica, 26 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Discussion2 commenti

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: