Grado fuori stagione: l’Isola d’Oro e la Venezia del Friuli

0

Una sottile striscia di terra collega Grado alla terraferma: una cittadina friulana dalle fattezze veneziane, impreziosita da un dedalo di isolotti che, nel loro insieme, vanno a creare una suggestiva laguna, da scoprire ed esplorare con un’escursione in barca.
L’Isola d’Oro è perfetta per un soggiorno balneare ma anche per essere visitata fuori stagione, grazie a una serie di attrazioni e punti d’interessa storico e artistico.
Grado FVG 4

Arrivare a Grado

Raggiungere Grado è semplice, attraverso l’autostrada A4 Venezia-Trieste oppure l’A23 Tarvisio-Venezia; uscendo al casello di Palmanova, basta poi proseguire sulla statale 352 per circa 18 Km in direzione Grado.

Grado fuori stagione: non solo mare!

Un vasto litorale dorato, il Mar Adriatico e una serie di spiagge attrezzate e funzionali rendono Grado una località balneare ideale per le vacanze in famiglia.
Il Lido di Fido e la Spiaggia di Snoopy accontentano inoltre anche gli amici a 4 zampe, attraverso stabilimenti organizzati apposta per accoglierli, tra ciotole, aree per l’agility, fontanelle e addirittura un servizio di dog sitting.

Ma Grado non è solo mare!
Ho visitato l’Isola d’Oro in una qualsiasi giornata primaverile; ho gironzolato per il suo centro storico durante un bel pomeriggio di sole e cielo azzurro, ma non certo a luglio e mi sono stupita davanti alla sua ricchezza storica e artistica che, spesso, viene trascurata e messa in ombra dall’immagine stereotipata di cittadina di villeggiatura tradizionale.

Il fulcro della vita gradese è Piazza Biagio Marin attorno a cui si sviluppa una zona totalmente pedonale con stradine lastricate, pulite e curate, su cui si affacciano edifici estremamente caratteristici, dal sapore decisamente veneziano.
La “città vecchia” custodisce inoltre antiche strutture paleocristiane, chiese e basiliche ad ingresso libero assolutamente da vedere.

  • La Basilica di Santa Eufemia: inserita nella cornice di Campo dei Patriarchi, l’edifico risale addirittura al V secolo. La cosa più bella? I mosaici che rivestono il pavimento, schematici e geometrici di gusto bizantino.Basilica Santa Eufemia Grado
  • Il Battistero: proprio adiacente alla Basilica di Santa Eufemia, con la sua caratteristica forma ottagonale.
  • Il Lapidario: sede di centinaia di frammenti scultorei ed epigrafi rinvenuti nel castrum gradense.
  • La Basilica di Santa Maria delle Grazie: la più antica di Grado. Facile è notare le due fasi costruttive dell’edificio ammirandone i mosaici pavimentali, disposti su doppio livello.
  • La Basilica della Corte:un insieme di resti risalenti al IV secolo e venuti alla luce nel 1902, grazie ai lavori di restauro della piazza. Rimangono tratti di pavimentazione con decori geometrici e nomi, alcuni sarcofagi e accenni dei muri che scandivano la pianta dell’edificio.

Uscendo dal centro storico è bello passeggiare lungo la darsena, tra le barche ormeggiate e i pescatori. L’aria sa di mare e di salsedine mentre il profumo di quelche bel piatto di pesce fresco, appena cucinato, sgattaiola fuori dai localini sparsi un po’ ovunque ma particolarmente concentrati ai lati della pedonale.

Mangiare a Grado

I sapori della tavola a Grado arrivano direttamente dall’Adriatico: brodetti, seppioline in tegame o ripiene e il tipico rombo alla gradese.
Non manca però la carne con primi di pasta fatta in casa tagliata a strisce, condita con sughi d’arrosto e selvaggina, o gli gnocchi di semolino e patate arricchiti con le susine e conditi con burro fuso e cannella.
Onnipresente la polenta e diffusissime le minestre di verdure, coma la jota, fatta di fagioli, crauti e cotenne di maiale.

E per qualcosa di più semplice? Io ho pranzato in un coloratissimo ristorantino in centro, In Stralonga, con tanti tavolini esterni e sedie arcobaleno.
In menù, oltre alle pietanze della tradizione, tante pizze buonissime e dall’aspetto davvero invitante.

 

Federica, 26 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: