Alle terme di Warmbad: il relax firmato Carinzia

1

Il tepore di un ambiente intimo e rilassato, l’acqua bollente di un’idromassaggio all’aperto e il profumo del legno caldo, in una sauna a 60°: queste le sensazioni che rievoco pensando alle terme di Warmbad in Carinzia, proprio alle porte dell’Austria.
Una struttura dall’aspetto avvenieristico, paradiso del relax…e non solo!

Alle terme di Warmbad: il relax firmato Carinzia

È sufficiente superare di pochi chilometri il confine con l’Austria per arrivare alle terme di Warmbad. Dall’Italia le si raggiunge percorrendo l’ Autostrada A23 e proseguendo poi sulla A2 fino allo svincolo Warmbad/Villach (mi raccomando la vignetta!!).
Io, da Udine, ci impiego poco più di un’ora e quello che mi trovo davanti è un monolite futuristico tutto bianco che si sviluppa eccezionalmente in altezza, suddividendosi in 3 livelli.

Considerare Warmbad come un semplice centro termale è decisamente riduttivo: non soltanto infatti benessere e SPA ma anche un’ampia area Fun per il dievrtimento di tutta la famiglia.
Ci sono scivoli e tunnel coperti che tra luci e ripide curve regalano adrenalina anche ai bimbi più cresciutelli come me per arrivare poi fino al Crazy River, un torrente con onde e tornanti da affrontare in gommone, come in una discesa di rafting.
Il tutto è circondato da lettini e gradinate con ampie e comode sdraio, proprio come in spiaggia, per concedersi attimi di meritato riposo per corpo e mente.

Al piano inferiore due grandi piscine olimpioniche, la prima sportiva a 29° ed una per il relax a 32°. Qui ci si può liberare dallo stress a suon di vasche, scaricare la tensione bracciata dopo bracciata e vi vengono organizzate anche lezioni di nuoto, durante il corso dell’anno.
Il livello più alto è invece dedicato all’area SPA, lì dove si respira il benessere a 360°.
Un mondo a parte, in cui il silenzio regna sovrano, in cui abbandonarsi alle mani esperte di giovani massaggiatrici o lasciarsi avvolgere dal calore terapeutico di un hammam orientale.

Il vapore appanna la vista all’interno del bagno turco, con le sue piccole piastrelle smaltate e le sedute di marmo candido mentre i pori della pelle respirano e si dilatano alle alte temperature della sauna mista, a cui si accede senza veli, come madre natura c’ha fatto.
Per le signorine più pudiche è anche presente una sauna per sole donne, dove abbandonarsi alla pace dei sensi libere da qualsiasi imbarazzo.

Per dare poi una scossa all’organismo io mi avventuro all’esterno, al gelido clima invernale per poi immergermi subito – rigorosamente senza bikini – nelle bollenti acque della vasca all’aria aperta che digrada lentamente verso sponde idromassaggianti.
Una sorta di terrazza leggermente interrata, circondata dalla natura e sotto il cielo austriaco di dicembre.

Alle terme di Warmbad ci si può trascorrere una giornata intera, liberando la testa dai pensieri e dal tran tran della routine quotidiana.
Alle zone comuni un po’ più affollate si contrappongono stanze più intime e appartate in cui sdraiarsi semplicemente in compagnia di un buon libro, godendo di un lieve sottofondo musicale.
Al pianterreno un ristorante self service, per non farsi mancare nemmeno un gustoso spuntino; qui la comodità sta nel fatto che non è necessario avere con sé denaro contante in quanto ciò che si consuma viene direttamente accreditato sul bracciale elettronico fornito all’entrata.


Orari e prezzi delle terme di Warmbad

Le terme di Warmbad sono aperte quotidianamente dalle 9:00 alle 22:00 e il biglietto d’ingresso varia a seconda delle zone a cui si desidera accedere: il prezzo giornaliero per la sola area Fun costa 22,20€  ma aumenta a 30,40€ se vi si aggiunge la SPA.
Sono previsti sconti per i più piccoli ed è anche possibile acquistare un ticket ridotto valido per 3 ore (una bella mattinata insomma!) ad un costo inferiore.
Per usufruire della promozione 1 adulto + 1 bambino/ragazzo gratis e delle offerte sui soggiorni visitate il sito ufficiale di Villach-Land cliccando qui.

 

Federica, 26 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Discussion1 commento

  1. Pingback: 4 cose da fare a Villach, alle porte dell'Austria - travelliAMO

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: