Viva Dominicus Beach: 5 motivi per NON sceglierlo

2

Nel caso ancora non fosse chiaro, ora lo ammetto apertamente: amo la Repubblica Dominicana.
Anche dopo mesi dal mio ritorno sento la mancanza di quel mare, del sole che batte tutto l’anno, dell’allegria tipica del Paese e di quello che per me è praticamente sinonimo di CASA: il Viva Dominicus Beach!
3275_Resort_Club_Viva_Dominicus_Beach_Bayahibe_Selected_by_Eden_Area_Beach_z_Se ne leggono molte a riguardo: c’è chi critica il suo carattere massivo e confusionario e chi invece se ne innamora profondamente tanto che è facile incontrare gente che, con molta naturalezza, racconta di esserci ritornata per ben 10 (o più) volte…praticamente una droga!

Io faccio parte di quest’ultimo gruppo, i Viva addicted e, come tale, sento di essere stata truffata!
Eh sì perchè il cliente dovrebbe saperlo ancor prima di prenotare: “Il Viva Dominicus Beach crea dipendenza”.
Andrebbe stampato in bella vista anche sul contratto di viaggio affinchè pure il turista più sprovveduto ne fosse consapevole poichè, una volta che lo si prova, tornare indietro è praricamente impossibile.
Ecco dunque i miei 5 motivi per cui NON sceglierlo mai:

1- Le camere: in 3 anni ne ho testate diverse, dal bungalow vista giardino alla superior fino ad una sorta di mini appartamentino con tanto di doppio bagno, salotto e solarium.
Ora ditemi voi, non sembra forse un resort di lusso, quelli che guardandoli sui depliant ci si trova a sognare, pur sapendo di non poterseli permettere assolutamente?!

E poi la pulizia! Di hotel commerciali ne ho girati molti ed il Viva Domincus Beach è senz’altro nella top 3 dei meglio serviti in tal senso.
Dopo aver soggiornato qui, ogni camera che formalmente è considerata del medesimo standard vi sembrerà modesta e non potrete fare a meno di paragonarla!

2- Il cibo: al di là della formula All Inclusive, che già di per sè è una bella comodità per una vacanza a tutto relax, ciò che stupisce del Viva Dominicus è la varietà e disponibilità di scelta.
Compresi nella tariffa un sacco di ristoranti, il cassico a buffet, la mitica Terrazza, aperta a colazione pranzo e cena, La Roca, con le sue specialità alla griglia, il messicano e molti altri.

Nessun problema per chi ha gusti difficili, è impossibile non trovare qualcosa che piaccia anche ai più esigenti ed è perfetto pure per chi ha lo stomaco capiente e il languorino sempre pronto: hot dog, hamburger, patatine fritte e dolcetti ad ogni ora del giorno e della notte…ed è proprio qui che sta il problema!
La sindrome da “Come me la mangerei una pizza del Viva” è inevitabile, soprattutto quando in Italia è inverno, fa freddo e il classico ristorante di città mai potrà soddisfare chi ha provato i tranci de La Pizzeria, squisiti – come noi italiani esigiamo – e da gustare in infradito, con la musica latina in sottofondo e il profumo del Caribe nell’aria.
IMG_20151108_0748063 – Il mare e la spiaggia: certo, di litorali mozzafiato ne è pieno il mondo ma ragioniamo un po’ sui costi. Maldive, Seychelles e Polinesia Francese non sono certo mete adatte ad ogni portafoglio e spesso le zone migliori sono isolate, difficili da raggiungere, mentre al Viva le acque cristalline dei Caraibi sono proprio lì, a pochi passi dalla camera.
DSC_0092
E provate poi a camminare lungo il bagnasciuga, verso le altre strutture adiacenti: vedrete la natura cambiare, il mare sporcarsi, la sabbia essere sempre meno simile al borotalco. Troverete addirittura scogli e dissestamenti.
Il mare del Viva invece rimane nel cuore, me la sogno ancora, ogni giorno e ricordo come fosse ieri la prima volta che ho visto quello spettacolo: la nostalgia può uccidere, sapete?!

4- L’animazione: più che animatori li definirei amigos! Ragazzi simpatici, artisti preparati, sempre solari e sorridenti.
Impossibile non affezionarsi, non sentirne la mancanza una volta ritornati a casa per poi magari continuare a seguirli su Facebook, scambiandosi qualche messaggio con loro.
Per non parlare degli spettacoli serali: dei veri e proprio show teatrali per cui non serve pagare il biglietto.
Inutili dire che la competizione con altri team d’animazione, dei vari hotel del mondo, sorge spontanea…e la delusione è dietro l’angolo!
10930856_1417088735252606_4042154065829625751_n5 – Il rapporto qualità-prezzo: lo so, ho parlato molto di costi in questo post ma,  per chi non naviga nell’oro, è indubbiamente un elemento importante nella scelta di una vacanza.
Con i voli charter, le offerte last minute e compagnia bella, viaggiare è diventato sempre più facile ma non è invece altrettanto semplice trovare strutture in cui stare davvero bene.
I prezzi bassi esistono, ma la qualità?! Non è mai piacevole doversi  accontentare ed adattare…
Essendo il Viva Dominicus una struttura molto grande e commercializzata, è spesso possibile trovare pacchetti stracciatissimi, occasioni 2×1, last second…e di fronte a tutto ciò, come resistere?!

Ci si ritrova, senza nemmeno accorgersene, con un’altra prenotazione in mano, l’ennesima e da qui ad entrare nel tunnel dellla dipendenza il passo è breve.
7108_1422554821372664_794533037650752887_nAnno dopo anno la scelta ricadrà sempre lì, sul Viva Wyndham Dominicus Beach!

Federica, 26 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Discussion2 commenti

  1. Pienamente d’accordo, una specie di malattia una febbre, sempre nel cuore. Ricorderei inoltre il personale di servizio sempre gentilissimo e… sorridente.

    • Hai proprio ragione! Uno staff meraviglioso in un posto che è semplicemente un paradiso!
      Viva il Viva ✌️

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: