“Voi amate il mare, capitano? – Si! L’amo! Il mare è tutto. Copre i sette decimi del globo terrestre; il suo respiro è puro e sano; è l’immenso deserto in cui l’uomo non è mai solo, poiché sente fremere la vita accanto a sé. …Il mare non è altro che il veicolo di un’esistenza straordinaria e prodigiosa; non è che movimento e amore, è l’infinito vivente…” Jule Verne (Ventimila leghe sotto i mari)

0

Dando uno sguardo d’insieme a ciò che ho creato, mi sono sentita quasi in dovere di dare una spiegazione riguardo all’aspetto che ho scelto di dare a questo blog poichè mi rendo conto che un sfondo turchese, animato con coralli e pesciolini,possa apparire poco serio o addirittura ridicolo.

Tuttavia ammetto di essermene innamorata a prima vista, mi sono sentita rappresentata e nient’altro ha saputo soddisfarmi altrattanto. D’altronde, volendo identificare un qualcosa in grado di accomunare tutti i miei viaggi, questo filo conduttore non può che essere il mare: acque pulite e cristalline, di tutte le gradazioni di blu e possibilmente ben abitate.

Ciò che amo del mare è la sua capacità di rendermi serena; guardarlo sfavillare sotto i raggi del sole, sentire il suo incessante sfrigolio e incantarmi di fronte alle onde che pian pian si infrangono sulla riva, una dopo l’altra, senza stancarsi mai. Adoro i colori che l’acqua assume in base alla profondità e alla luce e amo quella sensazione di infinito che si ha guardando l’orizzonte magari quando, verso sera, il sole pian piano scompare, quasi inghiottito dagli abissi.

Ancor più bello è quando, indossati maschera e boccaglio, ci si rende conto che quella distesa apparentemente piatta e uniforme è in realtà ricca di vita e cela un mondo estremamente variopinto e affascinante. Nuoto tra banchi di pesciolini gialli, osservo da debita distanza i ricci scuri e minacciosi e scovo tra i coralli le stelle marine, così belle ed eleganti e mi rendo conto di essere io l’ospite; l’intrusa in questo silenzioso universo che quasi non si accorge di me, continuando a girarmi intorno indisturbato.

Il mare; una passione che non posso ricondurre ad alcun aspetto della mia vita. Abito nel Nord Italia, a 70km dall’Adriatico che, detto sinceramente, non possiede alcuna caratteristica sopra citata. Inoltre non sono un’esperta nuotatrice, anzi; la profondità mi intimidisce, mi sento incapace di controllare la situazione e ciò mi rende in totale balia dell’elemento naturale in cui sono immersa. Il cuore mi batte forte ogni volta che mi tuffo nelle fonde acque dell’oceano, per un istante mi manca il respiro e mi sento percorsa da piccole scariche di nervosismo ed eccitazione. Ho quasi paura, ma non quella paura pietrificante che si trasforma in fobia, bensì una sensazione che spinge a farlo ancora, ancora e ancora per sentirmi viva e andare oltre quelli che mi sembrano essere i miei limiti.

Sono stata stregata dalla meravglia dell’acqua durante il mio primo viaggio in Egitto. Non avevo mai visto niente di simile al Mar Rosso, così luccicante e variopinto ma, tuttavia, ricordo con grande rammarico di non aver avuto il coraggio di esplorare la sua barriera, probabilmente la più famosa nel mondo; evidentemente non avevo ancora capito che quel timore, quasi reverenziale, nei confronti del mare sarebbe stato in seguito il life-motive delle mie vacanze.

A questo viaggio sono seguiti altri meravigliosi incontri con le più belle acque del mondo: l’Oceano Indiano, prima, e il Mar dei Caraibi, dopo.

Oh il Mar dei Caraibi! Quanto splendore nello svegliarmi la mattina del mio primo giorno a Santo Domingo e trovarmi di fronte un tale spettacolo! Un paesaggio di cui non mi sarei stancata mai, un panorama la cui semplice vista sarebbe capace di rallegrarmi l’umore anche nella più grigia delle giornate.

Chissà, magari, a forza di pensarci,nella mia prossima vita sarò un pesce tropicale, o forse una sirena….o più semplicemente in un futuro più prossimo di quanto immagini riuscirò ad esaudire il mio sogno: una casa tutta mia proprio lì, di fronte al mare che tanto amo!

DSCF0068
Kenya, settembre 2012DSCF0576Santo Domingo, dicembre 2012SAM_2129Zanzibar, luglio 2011

Federica, 26 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: