Francia a tutta natura: in vacanza a Serre Chevalier Briancon

0

Alle porte del massiccio degli Ecrins, sulle alture di Briançon, il comprensorio di Serre Chevalier è il luogo ideale per trascorrere una vacanza all’insegna del green, fra i meravigliosi panorami delle Alpi francesi. Una valle dalle mille sorprese, dove la natura regna sovrana, in cui lasciarsi conquistare dall’incontaminato fascino delle montagne oltreconfine.

Francia a tutta natura: in vacanza a Serre Chevalier Briancon

Situato poco lontano dal confine italiano, oltre la frontiera del Monginevero, Serre Chevalier Briancon è un popolare comprensorio sciistico francese, attraversato dalle acque della Guisane.
Si tratta della più grande stazione di sport invernali delle Alpes du Sud, perfetta per una vacanza sulla neve, magari in periodo natalizio, ma è anche la destinazione ideale per un soggiorno green, durante tutti i mesi dell’anno.
La valle è suddivisa in quattro comuni, Briancon – il principale centro – Chantemerle, Villeneuve e Le Monêtier-les-Bains, ciascuno con le sue caratteristiche e peculiarità.

Cosa fare a Serre Chevalier Briancon

Sport, benessere, cultura, buon cibo…a Serre Chevalier non manca proprio nulla!
Estremamente ricca e versatile, l’offerta turistica della valle si adatta proprio a tutti: ai viaggiatori in cerca di avventura e attività outdoor così come a chi preferisce dedicarsi al relax e al riposo, in un contesto dal fascino insindacabile.

Sport e attività outdoor

Prendendo la teleferica che da Chantemarle sale in quota, fino a 2491 metri, è possibile provare l’ebrezza della zipline, per un’esperienza adrenalinica ed emozionante, da cuore in gola ed entusiasmo a fior di pelle.
Di recente costruzione, essa permette al visitatore di percorre la distanza di 1,1 km, con 300 metri di dislivello, sorvolando le piste in poco più di un minuto.
Fiato sospeso, un po’ di tensione e poi un gran senso di euforia e libertà: questo ricordo del mio lancio, di quel lasso di tempo in fondo breve eppure così incredibilmente intenso che, dalla cima più alta mi ha portata giù in un baleno, appesa a un gancio, praticamente sospesa nel vuoto.

Non è però necessario munirsi di tanto coraggio per apprezzare la bellezza delle montagne di Serre Chevalier. Con o senza neve, esse sono infatti un vero spettacolo della natura, dove è possibile dedicarsi al trekking o a più semplici e rilassanti passeggiate, lì dove lo sguardo può vagare libero, fra prati sterminati e picchi aguzzi, quasi a poter toccare il cielo.
Tra le attività che si possono praticare, da non perdere il go-cart, la mountain bike, l’arrampicata e il rafting.

Benessere

Nonostante l’ampia offerta sportiva, Serre Chavelier è anche sinonimo di benessere e relax.
Ne sono un esempio i Grands Bains du Monetier, uno stabilimento termale di 4500 metri quadri, ampiamente frequentato durante l’intero corso dell’anno.
Circondato da uno splendido panorama alpino, il centro offre grandi piscine – interne ed esterne – con acqua naturalmente calda, ricca di calcio, magnesio e minerali benefici. C’è inoltre una grotta musicale, dove rilassarsi avvolti da melodie, luci e colori, l’hammam, il bagno turco e una jacuzzi, direttamente sul terrazzo della struttura, dove crogiolarsi nel tepore della vasca con vista mozzafiato sulle montagne.
Merita una visita la piscina biologica Baignade Bio di Chantmerle, un luogo all’aperto in cui fare il bagno immersi nel verde, in acqua pura, senza l’aggiunta di sostanze chimiche ma semplicemente filtrata, grazie all’utilizzo di particolari pianti e minerali nel pieno rispetto dell’ambiente.

Cultura

Collocata a 1326 metri sul livello del mare, Briançon è la città più alta di Francia. Una località d’arte e di storia, fortificata da Vauban nel XVIII secolo e oggi classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Il centro storico, piccolo ed estremamente caratteristico, merita di essere percorso in lungo e in largo, in una bella passeggiata a piedi.

Vi si incontrano strette viuzze, stradine color pastello e scorci così pittoreschi da renderla un vero e proprio paradiso per gli amanti della fotografia, che qui troveranno numerosi spunti per scatti meravigliosi.

Una volta superata la porta di Pignerol, ci si trova infatti come in un libro di favole, ricco di testimonianze del passato.

Molto bella la Cattedrale, la Collegiata di Notre-Dame, con la sua meridiana barocca sulla torre sinistra nonché l’incantevole Place d’Armes, circondata da facciate variopinte che evocano la Provenza.

E quanto è bello perdersi tra le vie di Briançon, fra quelle vecchie dimore che si elevano su entrambi i lati con i loro abbaini, i terrazzini fiorite e le imposte colorate.

Un luogo dove è piacevole anche dedicarsi allo shopping, nei tanti negozietti e botteghe in cui è possibile acquistare un po’ di tutto, dall’abbigliamento alla gioielleria artigianale, dai prodotti culinari locali alla profumatissima lavanda, sottoforma di mazzetti o di saponi, deodoranti e incensi.

Vi suggerisco di incamminarvi anche tutt’attorno alle mura, per ammirare il panorama circostante, con gli antichi forti difensivi che spiccano sulle alture.

Dove mangiare a Serre Chevalier Briancon

La cucina francese – si sa – è sempre una garanzia e nel comprensorio di Serre Chevalier non manca la possibilità di gustarsela appieno, nei molti locali e ristoranti del territorio.

Io consiglio:

Per pranzo
Holiday, Place du Téléphérique, 05330 Saint-Chaffrey: un grazioso posticino in centro a Chantmerle, praticamente ai piedi della teleferica. Mette a disposizione posti a sedere interni ed esterni ed offre un menù semplice ma goloso, in stile brunch.
Ottime le crepes, con prosciutto e formaggio, vegetariane oppure con il salmone, come quella che ho mangiato io.
L’Alpin, 10 Rue Centrale, 05100 Briançon: situato nella bella piazzetta della città nuova di Briançon, l’Alpin dispone di spazio interno così come di numerosi tavoli esterni, al di sotto di ampi ombrelloni, posti proprio di fronte all’ingresso del locale.
Il menù è particolarmente ricco, di gustose insalate e primi piatti, secondi di carne e di pesce nonché di una buona selezione di dolci.
Qui, ho provato la tipica Salad Briançonnaise, arricchita da prosciutto crudo, formaggio e non solo…: squisita!

Per cena
Les Planches, Place du Téléphérique, 05330 Saint-Chaffrey: si tratta del ristorante interno al Grand Hotel ed è un posto davvero elegante, intimo e curato.
I tavoli, rivolti verso le grandi vetrate, permettono di cenare con una bella vista di fronte e il cibo proposto è molto buono, di qualità nonché servito e impiattato con maestria.
Suggerisco di provare filetto di manzo, cotto alla perfezione e servito con patate fritte fatte in casa.
Carpe Diem, 3 Rue Porte Méane, 05100 Briançon: un piccolo e caratteristico ristorante facente parte de l’Auberge de la Paix, nella città vecchia di Briançon. Propone una cucina tipicamente francese, dove non mancano piatti locali, con prodotti del territorio come salumi e formaggi. Molto buono l’agnello, servito con verdure e gateau di patate. Da provare anche i dessert!
L’Etage, 35 Grande Rue 05100 Briançon: un ristorantino dallo stile particolarmente alpino. Qui è la carne la vera protagonista, servita in diverse maniere, anche particolarmente scenografiche.
Io ho provato il manzo, che viene portato a tavola crudo e accompagnato da una piastra rovente, su cui cuocerlo in autonomia. La portata è affiancata da insalata mista, patate fritte e ottime salsine in cui intingere la carne. Anche in questo caso, i dolci meritano l’assaggio.

Dove dormire a Serre Chevalier Briancon

Grand Hôtel 4*, Place du Téléphérique, 05330 Saint-Chaffrey: si trova a Chantmerle, proprio di fronte all’ingresso degli impianti di risalita. SI tratta di un hotel molto curato, raffinato, in cui l’arredamento contamporaneo, quasi minimale, viene arricchito da dettagli tipicamente montani, come la grande testiera in legno chiaro che circonda il letto.

Le stanze non sono particolarmente ampie ma risultano molto accoglienti, pulite e confortevoli. Alcune, sono dotate di terrazzino affacciato direttamente sulla piazzetta del comune e sulle montagne antistanti.
La colazione del mattino è estremamente ricca, golosa e capace di soddisfare i gusti di tutti.
Auberge de la Paix 3*, 3 Rue Porte Méane, 05100 Briançon: si tratta di un piccolo hotel collocato nella città vecchia di Briancon, in un contesto decisamente pittoresco. La struttura risale al 1800 ed è stata successivamente ristrutturata per renderla ideale per accogliere il visitatore in cerca di fascino e autenticità.

Le camere sono arredate benissimo, richiamano la montagna e sono dislocate su più piani, collegati da scale coperte da un tappeto rosso.
La colazione è intima, il buffet è piccolino ma c’è tutto il necessario, sia dolce che salato. I croissants, freschissimi, vengono portati direttamente al tavolo dal personale.


Maggiori informazioni sul sito ufficiale di Serre Chevalier e su Atout France Italia.

Federica, 28 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: