Visa nel mondo: USA, Australia, Sri Lanka

0

Spesso, prima di visitare uno Stato straniero, è necessario procurarsi un visto.

Mi è capitato molte volte di poterlo ottenere direttamente in aeroporto, prima del decollo – come nel caso del Kenya – o dopo l’arrivo – in Repubblica Dominicana – pagando semplicemente l’importo dovuto e ricevendo in cambio un adesivo sul passaporto.
11Ci sono Paesi, però, in cui la procedura non è così rapida e immediata e c’è bisogno di un po’ di attenzione per essere sicuri di fare tutto correttamente.

Di chi sto parlando?

1) Stati Uniti 
In questo caso va subito aperta una parentesi, importante per semplificare la vita alla maggior parte dei turisti italiani.
L’Italia infatti è compresa all’interno del programma “Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program) che consente ai cittadini di alcuni Paesi di recarsi negli USA, per vacanza o affari, per un periodo non superiore ai 90 giorni, senza dover ottenere un vero visto.
Questi viaggiatori devono dunque procurarsi soltanto l’autorizzazione all’ingresso negli Stati Uniti servendosi del Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA – Electronic System for Travel Authorization).

Se invece le ragioni della partenza sono altre – lavoro, studio, scambio o immigrazione – e il viaggio intende superare i 90 giorni, è necessario procedere con il visto…e qui la questione è più complessa seppur tranquillamente superabile.
Va infatti prima fatta la richiesta, compilando il modulo online DS-160 esclusivamente all’indirizzo ufficiale del Governo Degli Stati Uniti e, successivamente, partecipare ad un colloquio presso una Sezione Consolare dopo aver, ovviamente, preso l’appuntamento e aver pagato la quota richiesta.
Visa_generic_650
2) Australia
Per tutti coloro che non sono nè cittadini australiani nè neozelandesi, per entrate in Australia è necessario ottenere il visto, prima della partenza dal proprio Paese.
Esistono vari tipi di Visa, a seconda delle esigenze, alcuni richiedibili online, altri presso il consolato australiano più vicino:

• eVisitor (e651)

Si tratta di un visto elettronico concesso per i soggiorni in Australia per scopo turistico o d’affari e per un massimo di tre mesi. Viene concesso ai possessori di passaporto provenienti dall’Unione Europea e non residenti in Australia.

• Tourist Visa (e676)

È un visto temporaneo che consente un soggiorno massimo fino a tre, sei o dodici mesi in Australia. La domanda può essere compilata online.

• Sponsored Family Visitor Visa (e679)
È un visto rivolto a coloro che si recano in Australia per visitare la famiglia e ha una durata massima di 12 mesi. È necessaria la sponsorship formale di un cittadino o residente in Australia.

Vi sono poi i programmi Working Holiday (per vacanza lavoro), nati per incoraggiare lo scambio culturale e la creazione di legami stretti tra i paesi che fanno parte dell’accordo; essi consentono ai giovani di trascorrere in Australia un periodo di vacanza prolungato con la possibilità di lavorare sul breve periodo.

Working Holiday Visa (e417)
Può essere richiesto dai cittadini italiani (ma non solo) tra i 18 e i 30 anni e consente di soggiornare e lavorare in Australia per un massimo di 12 mesi.
visto-australiano
3) Sri Lanka
Che il motivo del viaggio sia turismo, affari o transito, per entrare in Sri Lanka è necessario ottenere il visto. Si chiama ETA e viene rilasciato elettronicamente dal  portale apposito del Dipartimento dell’Immigrazione ed Emigrazione dello Sri Lanka, pagandolo direttamente online attraverso la propria carta di credito.
Esso consente una permanenza nel paese di  30 giorni – prolungabili fino a 60 – dal momento d’ingresso nel Paese e può essere utilizzato solo entro tre mesi dalla data di rilascio.
Per ottenerlo è necessario:
– Un passaporto valido oltre sei mesi alla data di ingresso.
– Un biglietto aereo confermato di andata e ritorno.
– Fondi sufficienti per coprire i costi durante la permanenza.


Tuttavia, siccome le tariffe e i dettagli di questi visti sono spesso soggetti a modifiche ed aggiornamenti, è bene informarsi sempre preventivamente consultando il sito ufficiale del Ministero del Turismo del Paese d’interesse.


Federica, 28 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: