Visita e degustazione di vini in Friuli, alla tenuta Conte d’Attimis-Maniago

0

I vini in Friuli Venezia Giulia sono una garanzia e il modo migliore per scoprirli è attraverso una visita in cantina con degustazione guidata.
Io, ho scelto la tenuta Conte d’Attmis-Maniagio, fra i verdi paesaggi delle vigne di Buttrio (UD): il luogo perfetto per trascorrere un pomeriggio all’insegna dell’ars bibendi, in un’azienda antichissima, sinonimo di passione per il lavoro e alta qualità.

Visita e degustazione di vini in Friuli, alla tenuta Conte d’Attimis-Maniago

Situata nel comprensorio d.o.c. “Friuli Colli Orientali”, in un ambiente collinare a spiccata vocazione vitivinicola, la Tenuta Conte d’Attimis Maniago (Via Sottomonte, 21, 33042 Buttrio – UD) mi accoglie in un tiepido sabato di settembre.
L’azienda si estende su ben 110 ettari di terreno e consta di un unico corpo centrale, giunto in dote alla famiglia il 15 febbraio 1585, a seguito del matrimonio fra Pompeo di Maniago e Lavinia Freschi di Cuccagna.

A darmi il benvenuto è il Conte d’Attimis in persona: sarà lui, insieme al nipote Gian Giacomo, a farmi da Cicerone per la mia mattinata in azienda.
La tenuta può essere visitata in sella alle e-bike, per i più sportivi, oppure a bordo di un fuoristrada, seguendo un itinerario che porta l’ospite fra quelli che sono i principali punti di interesse della proprietà.
Un primo sguardo dall’alto, dalla strada sovrastante l’azienda, è assolutamente d’obbligo per ammiare le vigne in tutta la loro estensione.
Un mare di verde a perdita d’occhio, dove i filari seguono morbidamente le sinuose curve delle colline, assecondando l’armonia del paesaggio.

Ascolto senza alcuna fatica, con estrema attenzione, le parole e le spiegazioni del Conte. Traspare tanta dedizione e passione dai suoi racconti, dal tono di voce e dai dettagli che condivide sulla sua famiglia e circa quel lavoro che lo rende tanto fiero e orgoglioso della sua azienda.
Non serve molto per intuire la sua competenza in materia, per rendersi conto di quanto conosce la vite, qui coltivata secondo tradizione ma rispettando i più moderni dettami dell’agricoltura integrata.
Apprendo da lui tante nuove nozioni, utili e interessanti anche per una profana come me che, generalmente, il vino si accontenta di berlo!

Da non perdere, la centenaria vite di Picolit, chicca indiscussa del territorio. Si tratta di una sorta di reperto, di (relativamente) recente datazione che, sebbene non rappresenti più una fonte produttiva di rilievo, viene mantenuta in vita e in salute dalla famiglia, ad onorare quella memoria storica su cui si fondano le radici dell’azienda.
vini in FriuliEsplorati gli esterni, è tempo di immergersi nel cuore dell’azienda, in quell’area produttiva dove il frutto, l’uva, si trasforma in vino grazie a tanto impegno, maestria e passione.
Il Conte ci conduce dunque nei vari spazi, sino alle cantine, spiegandoci meticolosamente – ma con parole semplici – ogni singolo passaggio, a partire dalla lavorazione del mosto fino all’imbottigliamento, alla maturazione e all’etichettatura.

Un percorso completo e interessante nel complesso mondo dell’enologia: un’arte, oserei direi, dal cui fascino è impossibile rimanere immuni!

Ultimo step della visita, alla scoperta dei vini in Friuli alla tenuta Conte d’Attimis-Maniago, è ovviamente la degustazione.
Essa si svolge in una sala al piano superiore, dove un lungo tavolo in legno è già apparecchiato per noi con calici vuoti e sputacchiere.
Ad attenderci anche dei gustosi piatti di salumi e formaggi, ad accompagnare un’ottima selezione di vini bianchi, freschi e aromatici, seguita dai rossi, avvolgenti, con le loro sfumature a volte più violacee e altre intensamente bordeaux.

Gian Giacomo ci guida in questo viaggio, passo dopo passo, dandoci tutte le informazioni necessarie per comprendere ciascuna bottiglia e saperne apprezzare colore, profumo e sapore.
A conclusione, un calice di Picolit e un Esse di Raveo da sgranocchiare, per terminare con dolcezza questa bellissima esperienza.


Voglia di un’avventura ancor più insolita ed entusiasmante?
A partire da settembre 2021 – e per un tempo limitato – grazie a Friland è possibile trascorrere la notte sulle colline della tenuta Conte d’Attimis-Maniago, vivendo l’emozione di dormire in una mini-casa tra le vigne.

Si tratta di piccoli alloggi ecosostenibili, off-grid e itineranti che, periodicamente, vengono spostati nelle location più belle del Friuli Venezia Giulia.
All’interno vi si trova tutto il necessario, come stoviglie, prodotti per l’igiene, biancheria e persino ciò che serve per la colazione come caffè, biscotti e marmellate.
Un’idea per un soggiorno originale, per un weekend diverso, per staccare la spina dalla quotidianità e immergersi completamente nella natura!

 

Federica, 28 anni, friulana ma vivo a Milano. Laureata in Scienze e Tecniche del Turismo Culturale. Travel addicted per nascita e travel blogger per passione, sono alla continua ricerca di nuove esperienze ed avventure da condividere.

Leave A Reply

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: